Cos'è la prevenzione primaria?

La prevenzione primaria è la prevenzione di malattie o disturbi mentali in individui o popolazioni sensibili, attraverso la promozione della salute, compresa la salute mentale. Il suo obiettivo è ridurre l'incidenza e la sua strategia per eliminare i fattori di rischio causali (riduzione del rischio), che promuove, preserva, protegge e ripristina la salute.

Questo viene fatto prevenendo l'esposizione ai pericoli che causano la malattia o la lesione, alterando comportamenti non salutari o non sicuri che possono portare a malattie o lesioni e aumentando la resistenza a malattie o lesioni in caso di verificarsi esposizione.

lineamenti

La prevenzione primaria non si riferisce solo al "trattamento" proattivo o profilattico per prevenire i problemi di salute prima che si presentino, ma incorpora anche la modifica dei comportamenti o dei fattori di rischio associati a un dato esito di salute.

Per le persone in generale, gli interventi di prevenzione primaria includono vaccini per prevenire alcune malattie, cambiamenti comportamentali come smettere di fumare, iniziare una dieta bilanciata, iniziare un programma di esercizi, tra gli altri.

Per le entità che promuovono la salute, la prevenzione primaria include: la legislazione e la sua applicazione per vietare o controllare l'uso di prodotti pericolosi (ad esempio, l'amianto), per forzare pratiche sicure e salutari (ad esempio, l'uso di cinture di sicurezza e caschi per biciclette), informarsi sulle abitudini salutari e sicure (ad esempio mangiare bene, fare attività fisica regolarmente, non fumare), fare campagne per l'immunizzazione contro le malattie infettive, tra le altre cose.

Alcuni approcci implicano una partecipazione attiva, come nel caso di lavarsi i denti e usare il filo interdentale per prevenire la carie. Altri approcci sono passivi: l'aggiunta di fluoro all'acqua potabile municipale per indurire lo smalto dei denti e prevenire la carie.

La matrice di Haddon

William Haddon ha dato un utile contributo su come si verificano gli infortuni e su come prevenirli. La "Haddon Matrix" è una tabella che mostra l'host, l'agente e i fattori ambientali coinvolti, in contrasto con la sequenza temporale di un incidente.

Le celle della matrice illustrano la gamma di fattori coinvolti nel rischio o protezione; Haddon ha sottolineato la natura multidisciplinare dei possibili interventi. Ad esempio in caso di collisione di veicoli a motore:

Medici nella prevenzione primaria

I medici si trovano in una posizione particolarmente favorevole per svolgere un ruolo essenziale nella promozione degli obiettivi di prevenzione primaria e possono contribuire in una serie di diverse capacità.

- I medici rilevano spesso casi di malattie ambientali e pertanto richiamano l'attenzione su esposizioni che potrebbero avere conseguenze diffuse.

- Fornire regolarmente ai pazienti i rischi per l'esposizione, quindi devono spesso interpretare e tradurre i risultati della ricerca in modo che il paziente li capisca meglio.

- Esistono studi di opinione pubblica che hanno dimostrato che le persone si fidano dei loro medici come fonti altamente affidabili di informazioni sui rischi per la salute.

- I medici possono aumentare la consapevolezza sui problemi di salute e possono aiutare le persone a capire le connessioni tra il loro comportamento e i loro effetti sull'ambiente e sulla salute umana. Possono aiutare a generare un cambiamento importante nella mentalità del pubblico.

- I medici sono sempre più coinvolti nella promozione della salute, sia a livello di salute che di ordine pubblico.

Prevenzione primaria in psichiatria

L'assistenza primaria si sta estendendo sempre più ad altre aree importanti per l'essere umano, come la psichiatria.

Il concetto di prevenzione in psichiatria è unico. Include la promozione della salute mentale, l'identificazione dei fattori di rischio durante tutto il ciclo di vita e gli interventi precoci appropriati.

Recentemente, l'enfasi è stata posta sull'intervento precoce nello sviluppo della malattia mentale che ha portato a diversi programmi di prevenzione con vari gradi di successo.

obiettivi

La psichiatria preventiva è una branca della medicina preventiva per la salute pubblica. Il suo obiettivo è promuovere una buona salute mentale delle persone e prevenire l'insorgenza o ridurre l'incidenza di malattie psichiatriche in una popolazione.

Come in altri sforzi di sanità pubblica, la pratica della psichiatria preventiva richiede la collaborazione di discipline correlate, tra cui politiche, sociologiche, psicologiche, educative, psicoterapeutiche, biochimiche, farmacologiche, infermieristiche e altre.

approcci

Molti approcci alla prevenzione primaria della malattia mentale sono stati sviluppati contemporaneamente: il biologico, psicoanalitico, comportamentale, cognitivo, familiare, culturale, sociologico, politico, tra gli altri.

ricerca

Un'indagine del San Juan Episcopal Hospital di New York, ha concluso nei suoi risultati che ci sono prove che indicano che la prevenzione primaria può ritardare l'insorgere di malattie mentali, in particolare la schizofrenia.

Il trattamento farmacologico per le persone ad alto rischio, in combinazione con la terapia cognitivo comportamentale (CBT), ha mostrato risultati promettenti in diversi studi.

Secondo lo studio, le strategie che insegnano alle persone più giovani a far fronte allo stress e forniscono loro supporto psicosociale sono state efficaci nella prevenzione di disturbi dell'umore e dell'umore.

Questo è il motivo per cui le misure di rilevamento precoce vengono ampiamente applicate anche ai bambini e ai giovani, in particolare coloro che ricevono forme di assistenza pubblica in molti sistemi scolastici pubblici.

Misure principali

La prevenzione primaria dei disturbi mentali ed emotivi può avvenire attraverso una varietà di mezzi organici. Un approccio di grande importanza è la riduzione dell'esposizione alle tossine ambientali, come il piombo, la prevenzione delle encefalopatie infantili e il ritardo mentale associato.

Allo stesso modo, la prevenzione della sifilide congenita (o AIDS) salva innumerevoli bambini con psicosi organiche. La consulenza genetica in relazione al rischio di trasmissione della malattia maniaco-depressiva, o al rischio di schizofrenia, è un'altra misura psichiatrica preventiva primaria basata biologicamente.

Nel campo dell'esperienza, i servizi di supporto educativo e sociale per i futuri genitori possono servire come misure primarie di prevenzione psichiatrica, a volte con risultati quantificabili, come la riduzione dell'incidenza di comportamenti abusivi.

Popolazione target

La prevenzione psichiatrica primaria è sempre più praticata in persone mentalmente sane esposte a rischi speciali per la salute mentale, come un modo per renderle forti contro questi rischi.

Ad esempio, quando le famiglie funzionali con bambini presumibilmente mentalmente sani, ma congenitamente deformate, vengono curate dallo psichiatra, dallo psicologo e dal medico, in modo che venga prodotta l'accettazione del loro bambino prima della nascita.

D'altra parte, la facilitazione del dolore è una misura ampiamente usata per le persone che rischiano la morte di un coniuge o di un padre. Le strategie utilizzate nella facilitazione del lutto possono provenire da diverse discipline.

L'obiettivo può essere quello di fornire difese contro il dolore e la scarica affettiva correlata al dolore, allo scopo di prevenire o ridurre la strutturazione patologica di queste difese.

Pertanto, le tecniche di terapia familiare possono aumentare l'aiuto reciproco e le sane interazioni tra i membri sopravvissuti. La terapia di rete può ampliare e approfondire l'assistenza reciproca immediata della famiglia e della comunità.

Prevenzione primaria nella violenza di genere

La prevenzione primaria nei casi di violenza di genere è l'approccio più strategico per porre fine alla violenza contro donne e ragazze.

Strategie di prevenzione primaria:

- L'implementazione di infrastrutture e istituzioni per affrontare la violenza contro donne e ragazze.

- La promozione dell'uguaglianza di genere attraverso l'espansione delle donne e le opportunità economiche per le ragazze, l'accesso ai servizi di base, l'istruzione, la partecipazione sociale e politica, nonché la rottura di stereotipi di genere dannosi per donne e ragazze.

- Il cambiamento di atteggiamenti, norme e pratiche discriminatorie che perpetuano la violenza contro le donne e le ragazze attraverso approcci educativi e di mobilitazione sociale sfaccettati e campagne specifiche.

- Lo sviluppo di programmi e interventi basati su teorie scientifiche e cambiamenti comportamentali, sia per ambienti di comunità che per scuole.

- L'orientamento di problemi specifici correlati alla violenza contro donne e ragazze. Ad esempio, in caso di abuso di alcol, gli interventi potrebbero regolare la vendita di alcol o sviluppare specifici programmi di trattamento per le persone con problemi di abuso di sostanze.