Lobo occipitale: anatomia, funzioni e malattie (con immagini)

Il lobo occipitale è la parte del cervello in cui vengono elaborate le immagini. È uno dei lobi cerebrali più piccoli della corteccia cerebrale. Si trova nella parte posteriore del cranio, tra il cervelletto, il lobo parietale e il lobo temporale.

In particolare, il lobo occipitale è il centro del nucleo ortimaxic centrale del sistema di percezione visiva. Questa struttura riceve informazioni visive da diverse aree del cervello.

La regione occipitale è caratterizzata da uno dei lobi più piccoli della corteccia e si trova nella parte posteriore del cervello, appena sopra la nuca.

Quando ci si riferisce al lobo occipitale è più comodo parlare di lobi occipitali al plurale, poiché ci sono due strutture occipitali, una in ciascun emisfero del cervello.

I due lobi occipitali che gli esseri umani hanno sono praticamente simmetrici e la funzione principale di entrambi risiede nell'elaborazione delle informazioni visive.

In questo articolo esaminiamo le caratteristiche di questa regione del cervello. Vengono discusse le proprietà anatomiche e le funzioni del lobo occipitale e vengono riviste le patologie associate.

Caratteristiche del lobo occipitale

Il lobo occipitale è diviso in due emisferi cerebrali. Pertanto, ogni cervello contiene un lobo occipitale destro e un altro lobo occipitale sinistro, che sono separati da una fessura stretta.

Evolutivamente, il lobo occipitale si distingue per non aver sperimentato un eccesso di crescita durante l'evoluzione della specie.

A differenza di altre regioni del cervello che sono aumentate di dimensioni durante l'evoluzione degli antenati, il lobo occipitale ha sempre presentato una struttura simile.

Ciò significa che mentre altre regioni della corteccia cerebrale umana sono state sviluppate e organizzate in un modo più complesso, il lobo occipitale è rimasto con strutture simili per le ultime centinaia di migliaia di anni.

D'altra parte, il lobo occipitale è caratterizzato dal fatto di non essere particolarmente vulnerabile alle lesioni, poiché si trova nella regione posteriore del cervello. Tuttavia, gravi traumatismi in questa regione del cervello di solito generano cambiamenti nel sistema visivo-percettivo.

struttura

Il lobo occipitale funge da area di ricezione e integrazione visiva, catturando i segnali provenienti da diverse regioni del cervello.

Anatomicamente, costituisce un ottavo della corteccia cerebrale e contiene aree di associazione visiva e visiva primaria.

In generale, il lobo occipitale può essere diviso in due grandi strutture: la corteccia visiva primaria e le aree di associazione visiva.

Tuttavia, nonostante questa divisione anatomica del lobo occipitale consenta di descriverne meglio la struttura e il funzionamento, in pratica i limiti anatomici tra le due strutture tendono ad essere meno identificabili.

Corteccia visiva primaria o scanalata

L'area della corteccia visiva primaria o striata (area Brodman 17) si trova nelle circonvoluzioni che originano le pareti della fessura calcarea ed è caratterizzata dalla ricezione di radiazioni ottiche.

Nella parete superiore della fessura calcarea (cuneo) è rappresentata la metà inferiore del campo visivo controlaterale. Nella parete inferiore della fessura calcarea (giro linguale) è rappresentata la metà superiore dei campi visivi controlaterali.

Infine, la visione maculare si trova nella metà posteriore della corteccia visiva primaria. In generale, le lesioni unilaterali di quest'area del lobo occipitale producono un'emianopsia omonima controlaterale.

Aree di associazione visiva

Le aree di associazione visiva del lobo occipitale sono formate dalle aree parastirali e dalle aree periestrate, o quello che è lo stesso, le aree 18 e 19 di Brodaman.

L'area periestriale è più grande del paraestriato e forma la più grande superficie laterale del lobo occipitale.

Le aree 18 e 19 di Brodman ricevono informazioni visive provenienti da aree striate bilateralmente. Queste sono regioni essenziali quando si tratta di creare complesse percezioni visive relative al colore, alla direzione di oggetti o al movimento.

Le lesioni che si originano in queste aree di solito causano l'agnosia visiva, cioè l'incapacità di riconoscere oggetti e colori.

funzioni

Per descrivere e comprendere la funzione del lobo occipitale, dobbiamo tenere presente che le diverse regioni che compongono la corteccia cerebrale non hanno una singola attività.

In effetti, i diversi lobi della corteccia partecipano in modo diverso a molteplici attività cerebrali.

Nonostante questo fattore che definisce il funzionamento delle regioni superiori del cervello, la funzione che meglio descrive l'attività del lobo occipitale è l'elaborazione dell'informazione visiva.

Infatti, la funzione principale di questa regione della corteccia consiste nel ricevere gli stimoli correlati al percorso ottico, che originano in primo luogo dai nervi ottici e, in secondo luogo, da altre strutture sottocorticali.

In questo senso, il lobo occipitale comprende la corteccia visiva, che è l'area della corteccia cerebrale a cui l'informazione proveniente dalle retine degli occhi e dai nervi ottici colpisce per la prima volta.

Allo stesso modo, la corteccia visiva del lobo occipitale è divisa in diverse regioni che sono classificate in base al livello di elaborazione che subentrano.

Pertanto, la corteccia visiva primaria è la parte del lobo occipitale che è responsabile dell'elaborazione dei dati visivi più "grezzi" ed è la regione responsabile della rilevazione degli schemi generali che possono essere trovati nelle informazioni visive raccolte dagli occhi.

I dati generali raccolti dalla corteccia visiva primaria del lobo occipitale di solito non sono molto dettagliati e di solito non contengono informazioni specifiche sullo stimolo catturato.

Successivamente, la corteccia visiva primaria è responsabile dell'invio delle informazioni raccolte ad altre regioni del lobo occipitale, che sono responsabili della realizzazione di una elaborazione della visione più raffinata.

Allo stesso modo, le altre strutture del lobo occipitale sono responsabili dell'invio delle informazioni analizzate ad altre strutture del cervello.

A titolo di sintesi, il lobo occipitale contiene le aree o i centri nervosi che regolano, principalmente, le seguenti attività:

  1. Elaborazione del pensiero e delle emozioni.
  2. Interpretazione delle immagini.
  3. Vision.
  4. Riconoscimento spaziale.
  5. Discriminazione di movimento e colori.

Via dorsale e ventrale

Il lobo occipitale presenta due principali vie di comunicazione con altre regioni del cervello. Questi percorsi consentono di trasmettere le informazioni che raggiungono la corteccia visiva primaria e, quindi, di inviare le informazioni visive alle strutture cerebrali corrispondenti.

Pista dorsale

Il tratto dorsale del lobo occipitale è responsabile del collegamento della corteccia visiva primaria con la regione frontale della corteccia cerebrale.

Questa connessione viene effettuata attraverso reti neurali che sono vicine alla regione superiore del cranio. In questo modo, attraverso questa via, le informazioni elaborate dalla corteccia visiva primaria raggiungono il lobo parietale attraverso la terza e la quinta corteccia visiva.

Attualmente, è stato postulato che questo modo di elaborare il lobo occipitale sia responsabile di stabilire le caratteristiche della posizione e del movimento degli stimoli visivi.

Per questo motivo, la traccia dorsale è anche conosciuta come "dove" e "come", poiché consente di elaborare ed esaminare questi elementi di stimoli visivi.

Via ventrale

Il tratto ventrale del lobo occipitale inizia dalla corteccia visiva primaria ed è diretto verso la regione frontale del cervello attraverso la parte inferiore di esso. Vale a dire, adotta un percorso simile a quello del percorso dorsale, ma attraversa le regioni inferiori della corteccia.

Questo percorso viene effettuato attraverso la seconda e la quarta corteccia visiva ed è responsabile dell'elaborazione delle informazioni raccolte e analizzate dalla corteccia visiva primaria.

La rete neurale che costituisce questa via di trasmissione è responsabile dell'elaborazione delle caratteristiche degli elementi isolati che vengono visualizzati in ogni momento.

Cioè, la via ventrale del lobo occipitale consente di ottenere informazioni sul contenuto degli stimoli visivi da trasmettere ad altre aree del cervello. Per questa ragione, questa rotta è anche conosciuta come la rotta "cosa".

Alterazioni nel lobo occipitale

Il lobo occipitale è una delle regioni del cervello che causa meno lesioni. Essendo situato nella parte posteriore del cervello, è abbastanza protetto dalle patologie.

Tuttavia, i traumatismi sofferti in quest'area del cranio possono produrre sottili cambiamenti nel funzionamento del lobo occipitale, un fatto che può essere tradotto in distorsioni visivo-percettive.

In effetti, il danno subito nel lobo occipitale di solito causa difetti e spasmi nel campo visivo.

Più in particolare, le lesioni originate nella regione del persitrato del lobo occipitale (una struttura implicata nell'elaborazione visiva spaziale) di solito generano alterazioni nella discriminazione del movimento e del colore.

D'altra parte, alcuni danni al lobo occipitale possono causare un'omonica perdita della vista con esattamente lo stesso taglio di campo in entrambi gli occhi.

Alcune ricerche hanno dimostrato che i disturbi del lobo occipitale possono causare allucinazioni e illusioni percettive. Questi possono essere causati sia da lesioni nella regione occipitale che da crisi temporanee del lobo.

Le illusioni visive (alterazioni nella percezione) possono assumere la forma di oggetti che sembrano più grandi o più piccoli di quanto non siano in realtà, oggetti che mancano di colore o oggetti che mostrano una colorazione anomala.

Infine, le lesioni nell'area parietale-temporale-occipitale dell'associazione possono causare cecità verbale con menomazioni della scrittura.

Lobo occipitale ed epilessia

Studi recenti hanno dimostrato che il lobo occipitale potrebbe essere una struttura cerebrale molto importante nello sviluppo dell'epilessia.

Sebbene oggi non ci siano ancora dati inconfutabili, molti autori suggeriscono che il lobo occipitale avrebbe un ruolo prominente nell'aspetto delle crisi epilettiche, o almeno in parte di esse.

In questo senso, sono state descritte le epilessie del lobo occipitale, che sono caratterizzate da crisi parziali semplici o secondariamente generalizzate.

Le manifestazioni cliniche di questa condizione di solito includono, anche se non sempre, manifestazioni visive e sono solitamente correlate all'emicrania.

Sintomi visivi

Nell'epilessia del lobo occipitale possono verificarsi semplici manifestazioni visive negative come spasmi (punti nel campo visivo), emianopsia (cecità di un'area del campo visivo) o amaurosi (cecità).

Allo stesso modo, in alcuni casi può anche generare semplici manifestazioni di un tipo positivo come fosfeni (lampi di luce), lampi o scintille.

Le sensazioni visive dell'epifisi del lobo occipitale si manifestano di solito nel campo visivo controlaterale alla corteccia occipitale in cui si sviluppa la scarica. Tuttavia, in alcuni casi le sensazioni possono diffondersi e compromettere tutti i campi visivi.

Nell'epilessia del lobo occipitale sono state descritte anche alterazioni della percezione come: aumento delle dimensioni di oggetti o immagini, diminuzione di oggetti o immagini e cambiamenti di forma.

In alcuni rari casi, i disturbi della percezione possono essere molto complessi e la persona può visualizzare scene complete come se "un film accadesse nella testa".

In altri casi strani, l'epilessia del lobo occipitale può causare l'autoscopia (la persona percepisce come osserva se stesso come se fosse un osservatore esterno).

Queste manifestazioni sono molto allucinatorie e di solito si trovano preferibilmente nell'area in cui convergono i lobi temporali, parietali e occipitali.

Sintomi motori

Infine, le crisi motorie di questo tipo di condizione di solito includono la deviazione della testa e degli occhi sul lato opposto dell'emisfero in cui si verifica la scarica epilettica.

Lo scarico può estendersi ai lobi temporali o parietali e in alcuni casi può anche raggiungere il lobo frontale. Occasionalmente si diffonde alla corteccia occipitale dell'emisfero opposto e può diffondersi in tutta la corteccia.