Qual è la teoria del catastrofismo?

La teoria del catastrofismo afferma che la Terra e molte delle sue componenti sono state formate attraverso la successione di eventi catastrofici che hanno causato la scomparsa di alcune specie, animali e piante, e hanno permesso la comparsa di altri. Ha avuto il suo picco durante il diciassettesimo, il diciottesimo e l'inizio del diciannovesimo secolo.

Catastrofismo propone l'ipotesi che l'origine della Terra attraverso un evento improvviso di grande entità. La manifestazione di eventi naturali di grande capacità distruttiva quali terremoti, trombe d'aria, tsunami, tra gli altri, sono gli elementi che utilizza.

Il Catastrofismo è stato messo in discussione, poiché stabilisce che solo grandi cambiamenti catastrofici si verificano a seguito di eventi catastrofici. Tuttavia, bisogna tener conto del fatto che in epoca preistorica le condizioni climatiche e naturali della Terra non erano le stesse di oggi, e che nel tempo si sono verificati grandi cambiamenti naturali senza la necessità di fenomeni naturali distruttivi.

Ci sono quelli che, ancora oggi, continuano a difendere alcuni postulati del catastrofismo, sviluppando correnti e pensieri derivati ​​che sono accettati scientificamente.

Storia della teoria del catastrofismo

Gli inizi del catastrofismo hanno la loro origine con le opere dell'irlandese James Ussher e la sua cronologia sulla Terra, che ha cercato di attribuirgli un'età nell'Universo e ne causa la formazione.

Nel 1650 Ussher scrisse il libro Gli Annali del Mondo, e basato sulla Bibbia, propose:

  • Che la creazione della Terra avvenne domenica 23 ottobre 4004 aC
  • L'espulsione di Adamo ed Eva dal Paradiso avvenne lunedì 10 novembre 4004 a. C.
  • La fine di Universal Flood si è svolta mercoledì 5 maggio 2348 a. C.

Ovviamente, questi dati erano sbagliati, poiché è attualmente stimato che l'età della Terra è di circa 4470 milioni di anni e lo stesso vale per il Sistema Solare.

Successivamente, uno dei principali promotori e difensori della teoria del catastrofismo fu il paleontologo francese Georges Cuvier (1769-1832).

Cuvier affermava che i cambiamenti geologici e biologici più significativi sulla Terra non erano dovuti a processi lenti e graduali (come molti altri fenomeni naturali), ma a processi improvvisi, improvvisi e violenti; catastrofico, insomma.

Cuvier influenzò molte delle sue posizioni con teorie creazioniste e persino bibliche, che conferiscono alla teoria del catastrofismo una grande impronta religiosa, poiché prende come riferimento gli eventi biblici come il Diluvio Universale e l'Arca di Noè come giustificazione per la presenza di certe scoperti fossili, per esempio.

La Chiesa, alla fine, avrebbe approfittato di questa unificazione tra il carattere scientifico e religioso che le teorie del catastrofismo avrebbero adottato a loro vantaggio e lo usavano come sostentamento per fornire maggiore veridicità alle proprie affermazioni bibliche.

Le basi che Cuvier stabilì con la teoria del catastrofismo permisero di avanzare, dando origine all'uniformalismo, un paradigma che avrebbe dato origine alla geologia moderna come scienza professionale.

Da questa nuova teoria è stato possibile verificare che le condizioni della Terra si sono evolute nel tempo e che i cambiamenti non sono dovuti solo a fenomeni violenti e catastrofici.

Caratteristiche della teoria del catastrofismo

Cuvier affermò che gli eventi naturali di maggiore entità e capacità distruttiva erano quelli responsabili di generare i più notevoli cambiamenti fisici sulla Terra, oltre ad avere una grande influenza sulla presenza di specie animali e vegetali in tutta la Preistoria e la Storia.

In questo modo, terremoti, uragani, tornado, eruzioni vulcaniche e altri catastrofici fenomeni geologici e meteorologici sono i principali responsabili di questi cambiamenti.

Allo stato attuale, è stato possibile determinare l'influenza di, ad esempio, le eruzioni vulcaniche negli ecosistemi adiacenti e la loro capacità di "ripartire" nel suolo e nella vegetazione.

Tuttavia, altri fenomeni come i tornado e anche i terremoti (a seconda della loro magnitudo) potrebbero non essere abbastanza forti da causare cambiamenti davvero notevoli.

Forse uno dei pochi fenomeni risolti attraverso il catastrofismo fu l'estinzione dei dinosauri a causa di un evento improvviso e altamente violento, come lo era un meteorite.

Implicazioni religiose

La teoria del catastrofismo è un paradigma altamente permeato dall'influenza ecclesiastica e biblica. Al momento della sua manifestazione pubblica, la Chiesa aveva un grande potere sulla ricerca accademica.

Cuvier percepì una certa relazione tra alcuni fenomeni della teoria creazionista e i suoi postulati catastrofici, che commissionò alla collazione, permettendo a uno di fornire le risposte dell'altro.

Per questo motivo, storie come l'Arca di Noè si svolgono nella teoria del catastrofismo come giustificazione per la presenza di alcune specie e l'estinzione e la fossilizzazione di altri. La Chiesa ha approfittato di questo per proteggere con un sostentamento scientifico alcune delle sue storie più incredibili.

Nuove nozioni sull'antichità terrestre

Catastrofismo è stato uno dei molti tentativi di determinare l'età della Terra e, forse, la ragione per la sua posizione nella galassia e l'universo, nonché le sue condizioni uniche per la vita abitativa.

Come ogni buon paradigma, anche se non è stato possibile mantenerlo nel tempo, il catastrofismo è servito a lasciare il posto a nuove prospettive sulla conoscenza geologica ea modernizzare i processi di studio e riflessione terrestre.

Ciò si sarebbe verificato con l'emergere di un uniformismo o dell'attualismo, promosso da Hutton nel 1788 nella sua "Teoria sulla Terra", che avrebbe stabilito che i maggiori cambiamenti terrestri sono stati graduali nel tempo e non soggetti a pochi eventi gravi.

Nuove implicazioni

Nel tempo, gli approcci catastrofisti sono stati rinnovati, dando origine a un paradigma noto come neocatastrofismo, che cerca di stabilire la relazione che gli eventi catastrofici (in precedenza considerati la causa principale dei cambiamenti) hanno nel processo di cambiamento graduale della Terra.

Questa nuova percezione è lavorata professionalmente e si aggiunge ai moderni sforzi geologici per continuare a decifrare le incognite della Terra.