Filosofia di Socrate: principi e punti salienti

La filosofia di Socrate consiste in elementi che si intrecciano nella sua base più fondamentale: l'idea dell'uomo di "conoscere se stesso" - e, quindi, di conoscere ciò che è buono e giusta natura umana - e il riconoscimento del ignoranza, che apre la strada alla possibilità di apprendere nuove e più precise sapienze.

Indubbiamente, Socrate è uno dei più grandi filosofi greci della storia e il suo contributo è ancora oggetto di studio per l'importanza e la particolarità delle sue prospettive, tra le quali è importante menzionare la sua costante ricerca della vera conoscenza e l'insostituibile metodo dialettico.

Tuttavia, non tutto è così semplice con questo importante filosofo, principalmente a causa dell'antichità dei suoi insegnamenti e, in secondo luogo, perché non ha mai scritto un libro con le sue stesse parole. Questo è chiamato "il problema socratico", che sarà spiegato in dettaglio nella prossima sezione.

Il problema socratico

Accademici e filosofi, tutti concordano sul fatto che la figura di Socrate e, di conseguenza, tutto il suo pensiero, potrebbe non essere stata interamente sua. Socrate non ha mai incarnato la sua filosofia nel testo e l'unica cosa che è scritta su di lui è il prodotto dei suoi seguaci, come Platone e Senofonte.

Molti pensatori osano dire che Platone arrivò persino a mettere nella bocca di Socrate i propri pensieri, specialmente negli ultimi libri che scrisse. Per questo motivo, è molto difficile discernere tra ciò che pensavano i suoi discepoli e ciò che Socrate difendeva e credeva realmente.

Tuttavia, è tutto ciò che hai della sua filosofia. Pertanto, non c'è altra scelta che prenderla come vera, tenendo sempre presente che, se sorge una contraddizione, è probabile che provenga da coloro che hanno scritto su di essa e non da Socrate stesso.

Principio fondamentale di Socrate: sviluppo della dialettica

Il principale principio filosofico di Socrate era il suo metodo dialettico. Socrates ha studiato approfonditamente argomenti relativi alla cosmologia e ad altre varianti che lo avrebbero aiutato a capire l'universo e il mondo in cui viviamo.

Tuttavia, la sua delusione in relazione al metodo scientifico applicato in queste scienze naturali insieme al grande rifiuto verso le prospettive relativistiche che i sofisti hanno insegnato in quel momento, lo ha fatto decidere di cercare la strada per raggiungere le definizioni universali di tutte le cose.

Per Socrate, le definizioni essenziali non erano una domanda relativa, quindi ha generato un metodo induttivo attraverso il quale si poteva arrivare alla vera conoscenza del mondo e dei suoi elementi. Secondo lui, la verità era la stessa indipendentemente dal luogo o dall'individuo.

In questo modo inizia ad applicare quello che sarebbe chiamato il metodo socratico. Attraverso questo, Socrate intendeva dialogare con amici e conoscenti che miravano sempre a ottenere una definizione universale.

Il metodo consisteva in due parti: l'ironia, mediante la quale l'uomo realizza la propria ignoranza delle cose; e la maieutica, che consisteva in domande e risposte sempre più specifiche fino a raggiungere una conoscenza particolare.

Per Socrate era estremamente importante che l'individuo riconoscesse la propria ignoranza, poiché senza questo passo non ci sarebbe spazio per la verità.

Dopo che la persona con cui stava conversando accettava la sua ignoranza su un argomento, Socrate era impegnato a fare domande che il suo partner rispondeva da solo, determinando ogni volta di più l'argomento principale.

Socrate ha usato questo metodo dialettico per il resto della sua vita. Ciò è evidente in quasi tutti i libri di Platone, che rappresentano la sua insegnante che dialoga con personaggi diversi su diversi argomenti che stava cercando di definire.

Principali convinzioni filosofiche di Socrate

Già sapendo che la filosofia di Socrate è difficile da separare dalle credenze di Platone, attraverso i testi di quest'ultimo può stabilire certe verità che Socrate difendeva.

Qualcosa che è dato per scontato è che la maggior parte delle sue argomentazioni e opinioni erano completamente diverse da quelle dei suoi colleghi ateniesi, sia in politica che in morale ed etica.

Socrate mantenne e divulgò il bisogno degli uomini di "prendersi cura delle loro anime" sulle priorità attuali, che includevano la preoccupazione per una carriera, una famiglia o anche un viaggio politico nella città.

Moralità e virtù

Per Socrate la moralità era la base della vita dell'uomo. Se l'uomo sapesse che era buono, bello e giusto, non avrebbe agito diversamente, ma compiendo atti che promulgavano e producevano risultati di questo lignaggio.

Questo filosofo greco è stato riconosciuto per la sua ironia e moralità, oltre che per avere una chiara consapevolezza della propria ignoranza riguardo ai problemi che ha affrontato. Da qui deriva l'uso del metodo dialettico, in cui è sempre stato il suo interlocutore a rispondere alle sue domande.

In questo modo riuscì a diffondere la sua conoscenza tra amici intimi, con l'intenzione di stimolare le sue ricerche per virtù e saggezza. Allo stesso modo, credeva che la vera felicità venisse dall'essere moralmente retta; cioè, che solo l'uomo morale potrebbe davvero vivere una vita felice.

Infine, Socrate difendeva l'idea che esistesse una natura umana universale, con valori ugualmente universali, che ogni uomo potesse usare come guida per agire moralmente giorno dopo giorno.

La parte più importante di questa teoria socratica? Il desiderio e l'iniziativa dell'individuo di conoscere quella natura costante e retta.

politica

Per Socrate, le idee e le vere essenze delle cose appartengono a un mondo che solo l'uomo saggio può raggiungere, così ha fermamente mantenuto una posizione in base alla quale il filosofo era l'unico uomo adatto a governare.

Se Socrate fosse d'accordo o meno con la democrazia è una questione controversa. Sebbene sia molto chiaro che Platone abbia criticato questa forma di governo, non è certo che Socrate possa dire lo stesso: è del tutto possibile che molte delle frasi e frasi che quest'ultimo ha fatto contro la democrazia siano state il solo prodotto creativo di Platone.

misticismo

Un altro aspetto importante della filosofia di Socrate era il misticismo. Si sa che Socrate praticava la divinazione e che era molto vicino a Diotima, una sacerdotessa a cui attribuisce tutta la sua conoscenza dell'amore.

Il filosofo è anche riconosciuto per il dialogo su religioni misteriose, la reincarnazione e persino miti e leggende che possono essere considerate irreali e prive di significato.

Allo stesso modo, Socrate menzionò numerose volte (sempre attraverso i dialoghi di Platone) l'esistenza di una voce o di un segnale misterioso che si sentiva quando stava per commettere un errore.

Sebbene molti sostengano che questo segnale non sia altro che la fenomenologia della propria intuizione, tutto sembra suggerire che Socrate lo considerasse di origine divina e non dipendente dai suoi pensieri o credenze.