Insegnamento di modelli pedagogici (tradizionali e attuali)

I modelli didattici pedagogici sono i diversi approcci all'insegnamento che possono essere svolti dagli insegnanti in classe. A seconda del modello che usano, gli insegnanti eseguiranno una serie di azioni e si concentreranno su diverse parti del processo di apprendimento.

Perché ci sono diversi modi di apprendere, dal momento che ogni studente è unico, gli insegnanti devono essere armati con diversi modelli pedagogici per essere in grado di adattarsi alle diverse situazioni.

Anche così, i modelli pedagogici si concentrano sempre su tre elementi:

  • Cosa è destinato a insegnare
  • Come è destinato a insegnare
  • Come sarà misurato se l'apprendimento è stato raggiunto

Tradizionalmente, c'erano tre diversi modelli pedagogici, ma negli ultimi anni sono state aperte nuove vie di insegnamento. In questo modo, si intende ottenere una maggiore flessibilità quando si trasmettono conoscenze agli studenti.

Principali modelli didattici pedagogici

Fino a tempi relativamente recenti, la maggior parte delle istituzioni educative utilizzava un unico modello pedagogico, noto come modello tradizionale.

Allo stesso tempo, iniziarono a svilupparsi le basi teoriche di altri due modelli di insegnamento: il comportamentista e il costruttivista.

In seguito, sono stati creati altri modelli di insegnamento che sono diventati popolari nel tempo. Alcuni dei più importanti sono il cognitivo, il sociale e il romantico.

Modello di insegnamento tradizionale

Il modello pedagogico tradizionale è oggi conosciuto come "modello di insegnamento tradizionale", sebbene originariamente fosse chiamato "modello di trasmissione". Questo modello comprende l'insegnamento come trasmissione diretta della conoscenza da insegnante a studente, ponendo l'attenzione completamente su quest'ultimo.

Gli studenti sono visti nel modello tradizionale come destinatari passivi della conoscenza, senza bisogno di svolgere un ruolo nel proprio processo di apprendimento. L'insegnante dovrà sforzarsi di esporre ciò che conosce nel modo più chiaro possibile, in modo tale che gli studenti possano capirlo e memorizzarlo.

L'insegnante deve, quindi, avere grandi capacità comunicative oltre ad essere un esperto nella loro materia. In caso contrario, lo studente non sarà in grado di acquisire le conoscenze necessarie per concludere che l'apprendimento è stato un successo.

Oltre a questa idea, alcune delle basi del modello di trasmissione sono le seguenti:

  • Gli studenti devono imparare attraverso l'uso dell'autodisciplina, dal momento che è necessario ripetere la conoscenza più e più volte in modo che possano memorizzarli. Pertanto, i difensori di questo modello credono che sia utile forgiare il carattere degli studenti.
  • L'innovazione e la creatività sono totalmente ignorate, concentrandosi invece sull'apprendimento nella memorizzazione di dati e idee.
  • L'apprendimento è basato quasi esclusivamente sull'orecchio, quindi non è molto efficace per le persone che imparano meglio attraverso altri sensi.

Sebbene sia stato dimostrato in numerose occasioni l'efficacia limitata di questo modello di insegnamento, è ancora usato prevalentemente in quasi tutte le società moderne.

Tuttavia, sebbene non sia un modello valido per la maggior parte delle situazioni di apprendimento, ha un posto in determinati momenti.

Ad esempio, quando è necessaria la trasmissione di dati puri o di teorie molto complesse, il modello di trasmissione continua a essere il più utile per ottenere un apprendimento corretto.

Modello pedagogico comportamentale

Il modello pedagogico comportamentale si basa soprattutto sugli studi di Pavlov e Skinner, creatori della corrente della psicologia noti come comportamentismo.

I creatori di questo ramo del pensiero hanno sostenuto che è impossibile misurare i processi mentali delle persone e che, pertanto, è necessario concentrarsi su comportamenti osservabili.

Sulla base di questa idea, il modello pedagogico comportamentale cerca di impostare una serie di obiettivi di apprendimento che possono essere osservabili direttamente e misurabili. Gli studenti, attraverso l'uso di rinforzi e diversi tipi di stimoli, dovranno raggiungere questi obiettivi in ​​un tempo determinato.

In questo senso, il modello comportamentale è molto più personalizzato rispetto al modello di trasmissione, poiché per impostare gli obiettivi di apprendimento, l'educatore deve prima valutare il punto di partenza di ciascuno degli studenti.

Il ruolo dell'insegnante in questo modello, quindi, consiste nel seguente:

  • Studia le abilità precedenti degli apprendisti
  • Insegna loro la metodologia da seguire
  • Gestisci i rinforzi quando uno degli obiettivi è stato raggiunto
  • Controlla se l'apprendimento si è verificato

Questo tipo di apprendimento si verifica, ad esempio, nella pratica sportiva o in quella di uno strumento musicale. In queste aree, l'insegnante è limitato a fissare gli obiettivi allo studente, correggere i guasti che si verificano e rinforzare quando hai raggiunto uno degli obiettivi intermedi.

Alcune delle idee di base del modello sono le seguenti:

  • L'insegnante smette di essere una figura essenziale e si concentra sullo studente e sugli obiettivi di apprendimento che devono essere raggiunti.
  • Lo studente deve partecipare attivamente alla loro educazione, dal momento che apprendono facendo.
  • L'enfasi è posta sulla ripetizione e sulla pratica per padroneggiare l'apprendimento richiesto.
  • L'insegnamento individuale è preferito, a differenza del modello precedente, in cui un singolo insegnante è responsabile di un gran numero di studenti.

Modello pedagogico costruttivista

Questo modello pedagogico, a differenza di quello tradizionale, ritiene che l'apprendimento non possa mai provenire da una fonte esterna allo studente. Al contrario, ogni apprendista deve "costruire" la propria conoscenza (da cui il nome del modello).

Pertanto, il modello pedagogico costruttivista si oppone all'apprendimento passivo in cui l'insegnante è la fonte di ogni conoscenza; e si differenzia anche dal ruolo dell'insegnante come fonte di rinforzo e incoraggiamento.

In questo modello, l'insegnante deve generare le condizioni adeguate in modo che lo studente possa costruire il suo apprendimento. Alcune delle idee di base di questo modello sono le seguenti:

  • Affinché un processo di insegnamento sia efficace, ciò che è noto come apprendimento significativo deve verificarsi. Lo studente deve credere che ciò che sta imparando può essere utile nella vita reale. Pertanto, l'insegnante deve adattare gli obiettivi di apprendimento in base alle caratteristiche dei propri studenti.
  • Perché in generale non esiste un unico modo per risolvere i problemi o svolgere un compito, dal modello costruttivista si incoraggia l'apprendimento tramite la scoperta. Gli insegnanti non devono dare una risposta a ciascuna domanda posta dall'apprendimento, ma devono fornire agli studenti gli strumenti necessari per scoprirli da soli.
  • L'apprendimento deve avvenire gradualmente, in modo che gli studenti abbiano sempre una sfida, ma non è così grande da demotivare o impedire loro di andare avanti.
  • L'apprendimento avviene nella maggior parte dei casi imitando un modello. Osservando una persona che già padroneggia ciò che vuole imparare, gli studenti sono in grado di conservare e successivamente riprodurre i loro comportamenti. Questo processo è noto come "apprendimento vicario".

Nel modello pedagogico costruttivista, l'attenzione si concentra sull'apprendimento basato sulla competenza. L'insegnante deve determinare quali abilità, conoscenze e attitudini sono necessarie per lo sviluppo di una vita efficace.

Una volta determinate le competenze di base che lo studente deve imparare, viene determinato il modo più efficace per acquisirle in base alla teoria delle intelligenze multiple.

Questa teoria considera che, invece di esistere solo un tipo di intelligenza generale, ogni persona ha più o meno capacità in sette aree differenziate.

Questo modello pedagogico si basa soprattutto sulle teorie di Vygotsky e Luria, due psicologi sociali russi della prima metà del XX secolo.

Modello pedagogico cognitivo

Il modello cognitivo, noto anche come modello evolutivo, è basato sugli studi di Psicologia dello sviluppo di Jean Piaget. Si basa sull'idea che l'essere umano attraversa diverse fasi della sua maturazione intellettuale, in modo tale che l'apprendimento debba essere adattato al momento e all'età di ogni studente.

Il ruolo dell'insegnante, quindi, è quello di individuare in quale delle fasi dello sviluppo ogni studente è, e di proporre l'apprendimento in base ad esso. In questo senso, è anche un apprendimento significativo.

In questo modello pedagogico viene rimosso il focus degli obiettivi di apprendimento in quanto tali. Al contrario, l'importante è che lo studente acquisisca determinati modi di pensare e strutture mentali che rendano più facile l'apprendimento per conto proprio.

Modello pedagogico sociale

Questo modello si basa sul massimo sviluppo delle capacità e delle preoccupazioni degli studenti. In questo senso, dal modello pedagogico sociale vengono studiati non solo i contenuti scientifici o tecnici, ma anche l'acquisizione di valori e atteggiamenti che promuovono una migliore convivenza nella società.

Questo approccio è caratterizzato dall'enfasi posta sul lavoro di squadra, dal momento che si considera che un gruppo sarà sempre in grado di risolvere problemi più grandi di un individuo da solo.

Sempre secondo la teoria dell'apprendimento significativo, gli insegnamenti devono essere applicabili nel mondo reale. L'insegnante, quindi, dovrebbe essere responsabile di porre sfide e problemi agli studenti, che devono risolverli collaborando tra loro migliorando le loro abilità sociali.

Modello pedagogico romantico

Il modello romantico si basa sull'idea che è necessario prendere in considerazione completamente il mondo interiore dello studente. L'apprendista diventa, quindi, l'obiettivo del processo di apprendimento, che si svolgerà in un ambiente protetto e sensibile.

L'idea di base di questo modello pedagogico è che il bambino ha già tutto ciò che è necessario per diventare una persona valida e funzionale. Il ruolo dell'insegnante, quindi, è consentire allo studente di svilupparsi liberamente e trovare le proprie risposte.

In questo senso, il modello pedagogico romantico si basa sulle correnti della psicologia umanistica e sull'idea di non-direttività.

Modello pedagogico alla scoperta

Nell'imparare alla scoperta, il bambino ha un ruolo attivo, non il ricevente, ma la persona che agisce nel mondo per imparare. Questo modello è anche chiamato euristico ed è opposto al tradizionale, in cui lo studente è un ricevitore passivo di ciò che l'insegnante gli insegna.

Alcuni dei suoi principi di base sono:

  • I bambini hanno una naturale capacità di imparare, giocare e partecipare al mondo.
  • Una parte importante dell'apprendimento è la soluzione dei problemi.
  • Le ipotesi sono create e testate.
  • Il bambino ha un ruolo attivo nell'apprendimento.
  • Influenza l'ambiente socioculturale, poiché ciò dipenderà dalle esperienze di apprendimento che il bambino ha.