Julia Pastrana: Biografia

Julia Pastrana (1834-1860) era una donna messicana che soffriva di varie malattie che colpivano il suo aspetto fisico. Per questo motivo è stato esposto come attrazione in diversi spettacoli. Pastrana ha visitato parte degli Stati Uniti e dell'Europa con diversi rappresentanti, anche se alcuni esperti li considerano piuttosto proprietari.

Sebbene sia stato sfruttato per il suo aspetto fisico, la verità è che ha goduto di molte qualità. Aveva talento per il canto, parlava diverse lingue, aveva una grande intelligenza e, secondo le cronache che sono arrivate fino ad oggi, aveva una conversazione e una personalità molto attraenti.

La mancanza di scrupoli del suo ultimo rappresentante, che venne a sposarla, lo portò a trarre vantaggio da Julia anche dopo la morte. Il suo cadavere è stato sfilato in diversi paesi europei, esposti come un fenomeno naturale.

Dopo una serie di eventi, compreso il furto del suo corpo mummificato, il corpo di Julia è stato spostato in Messico, dove oggi è sepolta. La sua storia è stata presa al cinema e ha servito come argomento per una commedia.

I primi anni di Julia Pastrana

In realtà, non ne sappiamo abbastanza della storia dei primi anni di questa donna. Molto di ciò che viene detto è contraddittorio, senza sapere se sono state in seguito le invenzioni o la realtà.

L'unica cosa su cui i cronisti concordano è che Julia Pastrana è nata a Sinaloa. La data varia a seconda della fonte, ma la più accettata è il 1834. Allo stesso modo, alcune persone sottolineano che è venuto al mondo a Santiago de Ocoroni, a Leyva. In assenza di un certificato di nascita, i dettagli reali sono difficili da sapere.

Julia proveniva da una famiglia indigena, da una tribù chiamata "cercatori di radici" ( cercatore di rottame ). Questi occuparono il Messico occidentale. Alcuni autori sottolineano anche che ci sono prove che ha vissuto in una grotta fino all'età di quattro anni.

Storia negli opuscoli sulla sua infanzia

Essendo già famoso, la storia della sua vita faceva parte della pubblicità che annunciava i suoi spettacoli, che non ne garantisce la precisione.

Secondo questi resoconti, da bambina ha accompagnato una donna indiana di nome Espinoza, anche se sembra che non fosse sua madre. Espinoza era stata lasciata morta dopo la separazione dalla sua tribù nel 1830, ma in seguito apparve con dei jeans.

A quel tempo Julia aveva solo 2 anni e finì per adottare il cognome della donna dopo che si sposò e la battezzò. Dopo la morte di Espinoza, Julia iniziò a lavorare nella casa del governatore di Sinaloa come serva, finché nel 1854 lasciò il lavoro e si preparò a tornare nella loro terra.

malattia

Prima di continuare con la sua vita, è necessario sottolineare che Julia ha subito due malattie legate al suo aspetto fisico che ha segnato la sua carriera.

La sua faccia, e anche il resto del corpo in misura minore, era piena di capelli. La sua mascella era molto prominente e aveva una bassa statura: solo 1, 4 metri. Molti lo paragonavano a una scimmia, e c'erano anche quelli che sostenevano che fosse il risultato di un ibrido tra un orangutan e un umano. Lo stesso Charles Darwin ha commentato quanto segue:

"Julia Pastrana, una ballerina spagnola, era una donna straordinariamente magra, ma aveva una folta barba e una fronte pelosa. È stato fotografato e la sua pelle è stata messa in mostra. Ma ciò che ci interessa è che aveva in entrambe le mascelle, superiore e inferiore, una doppia fila irregolare di denti. Una fila collocata all'interno dell'altro, da cui il Dr. Purland prelevò un campione. A causa dell'eccesso di denti, la sua bocca è stata proiettata e il suo volto aveva l'aspetto di un gorilla »

ipertricosi

Il nome della sua malattia era l'ipertricosi, nota come sindrome del lupo mannaro. Coloro che ne soffrono hanno una quantità anormale di peli su tutto il corpo.

D'altra parte, ha sofferto di prognatismo, che gli ha fatto avere denti totalmente irregolari e ha dato alla mascella la strana forma che aveva.

Entrata nel mondo dello spettacolo

Come con la sua nascita, ci sono diverse versioni di come la sua vita iniziò come attrazione del circo. Alcuni affermano che, quando è tornata nella sua terra dalla casa del governatore di Sinaloa, ha incontrato M. Rates, un americano che l'ha portata con sé a usare nei suoi spettacoli.

Altri dicono che i tassi lo hanno visto mentre lavorava ancora per il governatore, e altri dicono che era un amministratore del porto di Mazatlan che lo ha comprato da lui. Infine, c'è chi sostiene che sia stato venduto direttamente a un circo.

Debutto presso la Sala Gotica

Ciò che è noto è che debuttò davanti al pubblico nel 1854, a New York. Lì, nella Sala Gotica, la presentarono come "La donna dell'orso" e come "L'ibrido meraviglioso".

Le critiche alla stampa il giorno successivo hanno fatto riferimento al suo aspetto orribile, ma hanno sottolineato il suo talento per il canto.

Percorso attraverso gli Stati Uniti

Da New York andò a Cleveland, già con un nuovo proprietario (o rappresentante, come si chiamavano). In quella città è stata portata a numerose serate militari, oltre che a balli sociali. Apparentemente, le code furono formate per danzare con lei.

Il percorso attraverso gli Stati Uniti l'ha portata anche a Boston, e sono persino andati in Canada. A poco a poco stava facendo un nome oltre il suo aspetto grazie alle sue molteplici qualità.

Viaggio in Europa

La sua fama aveva attraversato l'oceano e fu rivendicata dall'Europa. Già con Theodor Lent, un nuovo rappresentante, arrivò a Londra e offrì diverse rappresentazioni. I media l'hanno ritratta come una donna soddisfatta e felice della sua vita, ma è sempre stata la Quaresima a dare quella versione.

Già nel 1857 la Quaresima cercò di portarla in Germania, ma le autorità tedesche non autorizzarono il suo spettacolo. Per evitare questo problema, il rappresentante ha affermato di essere un'attrice teatrale e non una rarità da circo.

Così, fu inventata un'opera per Julia per rappresentarla a Lipsia. Naturalmente, l'argomento, infine, era basato sul suo aspetto fisico. La polizia municipale ha finito col vietare le esibizioni.

Julia, ben nota all'epoca, ricevette un gran numero di proposte di matrimonio. In un'intervista in Germania dichiarò che li respingeva perché gli uomini non erano abbastanza ricchi. Tutti gli storici affermano che, in effetti, questa era l'intenzione della Quaresima: sposarla con un milionario a proprio vantaggio.

Ironia della sorte, è stato il rappresentante che ha finito per sposare Julia, che era riuscita ad accumulare una piccola fortuna. Si sposarono nel 1857.

Gravidanza e morte

Sembra che Julia abbia finito per prendere in simpatia Quaresima, ma il trattamento che le ha fatto è stato terribile. La costrinse ad andare da numerosi medici per esaminarla, così come a visitare molti scienziati per sottoporsi a vari test.

Quando si trasferì a Vienna, gli proibì di lasciare la casa e divenne molto aggressivo. Qualche tempo dopo, durante un tour in Polonia e Russia, rimase incinta.

Ha avuto suo figlio il 20 marzo 1860. Il bambino è nato con la stessa malattia di sua madre. Ha finito per morire a malapena un giorno e mezzo dopo essere nato. Per quanto riguarda Julia, la nascita la lasciò morire. È morta cinque giorni dopo aver dato alla luce.

Sfruttamento di Julia dopo la sua morte

Considerando che la Quaresima non aveva smesso di vendere i biglietti durante l'agonia della moglie, si è capito che la sua morte non si è conclusa con il suo desiderio di ottenere un beneficio economico a sue spese.

Per prima cosa vendette i corpi di Julia e del bambino deceduto a un professore russo, che li esibì all'Istituto Anatomico dell'Università di Mosca dopo averli mummificati.

Nel verificare il successo ottenuto, il vedovo si è recato in tribunale per recuperare i cadaveri. Ha vinto il processo e ha portato le mummie in Inghilterra. Li ha esposti al pubblico, con Julia vestita in uno dei suoi costumi da ballo. Migliaia di persone hanno visitato la macabra mostra.

Le mummie passavano attraverso luoghi diversi, sempre esposti per il beneficio della Quaresima. Alla fine, li vendette al miglior offerente.

Un nuovo Pastrana

La quaresima dà una svolta alla situazione. Ha trovato - e sposato - un'altra donna con la stessa malattia di Julia. Ha detto al pubblico che era sua sorella e ha recuperato i cadaveri per mettere su un nuovo spettacolo: Julia, il ragazzo e la sua nuova moglie.

Alla fine, il nuovo matrimonio finì per vivere a San Pietroburgo. Fu lì che Theodro Lent divenne psicologicamente malato e morì dopo un periodo di tempo in un sanatorio.

La sua vedova, di nome Zenora, si trasferì in Germania e, volendo continuare a vivere dalla memoria di Julia, ritorna all'esposizione insieme alle due mummie nel 1889. Poi le vendette a JB Gassner che, a sua volta, le vendette a Vienna nel 1895.

In Norvegia

Per alcuni anni non ci furono notizie di dove fossero i resti di Julia o di suo figlio. Nel 1921 apparvero in Norvegia, in una camera degli orrori. Durante la prima guerra mondiale finì per essere esposto in paesi occupati dai nazisti, che cercavano di ottenere denaro.

Il corpo del ragazzo viene distrutto nel 1976, quando alcuni vandali entrano nell'edificio in cui si trova e sono arrabbiati con lui. Già nel 1979, con i corpi ancora in mostra, le proteste delle organizzazioni umanitarie li hanno costretti a ritirarsi.

Quello stesso anno qualcuno ruba la mummia, che riappare in qualche modo all'Istituto forense di Oslo, ma senza identificarsi.

In questo modo, per 11 anni il corpo rimane lì, senza che nessuno sappia a chi appartenesse. Nel 1990 scoprirono la sua identità e soggiornarono all'Università di Oslo fino all'inizio del nuovo secolo.

Di ritorno a casa

Infine, nel 2012 l'università del paese nordico decide di rimandare il corpo in Messico. Era il 7 febbraio 2013, quando Julia Pastrana riuscì a tornare nella sua terra natale. Il suo corpo fu sepolto nel cimitero storico dello stato di Sinaloa, il 13 febbraio dello stesso anno, mettendo fine alla sua storia.

Refere nces

  1. Fregoso, Juliana. La dolorosa storia della donna messicana che è stata fatta per agire in Europa come "la donna più brutta del mondo". Estratto da infobae.com
  2. Orozco, Gisela. Julia Pastrana: la sua triste, inesplicabile e meravigliosa storia. Estratto da chicagotribune.com
  3. WikiMexico. La triste storia di Julia Pastrana: la donna asiatica. Estratto da wikimexico.com
  4. Lovejoy, Bess. Julia Pastrana: un "mostro in tutto il mondo". Estratto da publicdomainreview.org
  5. CandyGuy. Julia Pastrana - The Nondescript. Estratto da thehumanmarvels.com
  6. Wilson, Charles. Un artista trova un finale dignitoso per una brutta storia. Estratto da nytimes.com
  7. The Independent. Julia Pastrana: The Tragic Story of the Victorian Ape Woman. Estratto da independent.co.uk
  8. Miles, Professor AE W. Julia Pastrana: The Bearded Lady. Estratto da europepmc.org