Psicopatia infantile: sintomi, cause e trattamenti

La psicopatia infantile è mostrata nei bambini che non hanno empatia e rimorso, sono egocentrici, hanno un'affettività limitata, non sono molto sinceri e hanno un fascino superficiale.

La psicopatia è uno dei disturbi mentali che ha conseguenze più devastanti nella persona che soffre e soprattutto nel loro ambiente. Inoltre, come vedremo in seguito, è uno dei disturbi più difficili da trattare.

Sebbene non ci siano molti studi sulla psicopatia infantile e adolescenziale, è stato dimostrato che il disturbo inizia nell'infanzia. Anche alcuni studi indicano che la presenza di psicopatia nell'infanzia e nell'adolescenza è una variabile che può predire il comportamento criminale in età adulta.

Già nel 1976 Cleckley definiva la personalità psicopatica con una serie di caratteristiche chiave:

  • Queste persone mostrano un fascino superficiale e un'alta intelligenza.
  • Non hanno delusioni o altri sintomi di pensiero irrazionale.
  • Assenza di nervosismo e altri sintomi nevrotici.
  • Mancanza di sincerità
  • Mancanza di rimorso e vergogna.
  • Comportamento antisociale senza una ragione adeguata per questo.
  • Incapacità di imparare dalle esperienze.
  • Egocentrismo patologico e incapacità di amare.
  • Affettività limitata.
  • Mancanza di intuizione
  • Indifferenza nei confronti delle relazioni personali.
  • Comportamento sorprendente e indesiderabile.
  • Il suicidio è una cosa poco frequente.
  • Trivialità sessuale
  • Incapacità di seguire un piano di vita coerente.

D'altra parte, i ricercatori concordano sul fatto che quando si parla di bambini e adolescenti si parla di tratti psicopatici e non di psicopatia in sé, perché alcuni di questi bambini non sviluppano il disturbo quando diventano adulti.

Robert Hale, uno dei massimi esperti in questo campo, descrive gli psicopatici come predatori della loro stessa specie. Distingue anche questi individui per sintomi caratteristici nel campo affettivo, interpersonale e comportamentale:

  • Piano affettivo : sono caratterizzati da emozioni superficiali che cambiano rapidamente. Mancano di empatia e mostrano l'incapacità di mantenere legami duraturi con altre persone.
  • Piano interpersonale : sono arroganti, egocentrici, manipolatori, dominanti ed energici.
  • Piano comportamentale : sono irresponsabili e impulsivi. Cercano nuove e forti sensazioni e trasgrediscono le norme sociali in modo abituale. Inoltre tendono ad avere uno stile di vita socialmente instabile.

Altre caratteristiche che appaiono nei bambini e negli adolescenti con psicopatia sono:

  • Assenza di rimorso e senso di colpa per comportamenti che possono danneggiare altre persone.
  • Insensibilità emotiva
  • I bambini tendono ad essere più difficili e maliziosi, cercano costantemente di sfidare le norme e le persone di autorità.
  • Usano la menzogna in modo patologico.
  • Comportamento aggressivo, che causa danni fisici o minacce a persone o animali e mostra anche crudeltà in questi comportamenti. I comportamenti distruttivi compaiono e / o accendono oggetti.
  • Sono spesso socialmente isolati, non coinvolti in attività o relazioni interpersonali.

Altri studi su questo argomento hanno dimostrato che l'adolescente con caratteristiche psicopatiche ha sviluppato nell'infanzia altre patologie come il disturbo da deficit di attenzione e iperattività, il disturbo della condotta nell'infanzia o il disturbo del disordine.

Diagnosi della psicopatia infantile

È importante fare una diagnosi adeguata e distinguere tra un adolescente normale o un bambino e uno con il disturbo.

I bambini e gli adolescenti possono avere una serie di caratteristiche tipiche di questo periodo, come mancanza di empatia, trasgressione delle norme o comportamenti a rischio come l'uso di sostanze.

Alcuni autori come Seagrave e Grisso indicano che molte delle caratteristiche psicotiche che appaiono nell'adolescenza sono gli aspetti normali di questo stadio di sviluppo.

Tuttavia, ci sono altri autori che sono ancora d'accordo con la dichiarazione precedente, considerano che molti dei sintomi della psicopatia nei bambini e negli adolescenti sono più che normali manifestazioni in questa fase di sviluppo.

Secondo alcuni autori, una caratteristica particolarmente distintiva di questi bambini è che sono considerati non molto paurosi e gli effetti della socializzazione sono praticamente nulli non provando sensi di colpa o imparando dalla punizione.

I genitori insegnano al bambino quando e come provare emozioni come l'orgoglio, la vergogna, il rispetto o la colpa usando la punizione quando agiscono male. In questi bambini non è facile instillare il senso di colpa perché non l'hanno sviluppato.

Non sentono ansia o paura quando stanno per trasgredire una norma, né la paura di rappresaglie da parte di genitori o altre figure di autorità. Ciò ostacola notevolmente una socializzazione standardizzata.

All'interno di questo gruppo di bambini e adolescenti con caratteristiche così diverse è necessario prestare particolare attenzione a coloro che, oltre ad avere un comportamento antisociale e una costante sfida alla norma e all'autorità, sono individui freddi e manipolatori con difficoltà nell'esperienza delle emozioni. Questi tratti della personalità e la mancanza di interiorizzazione della norma rendono questi bambini e adolescenti particolarmente difficili da gestire.

cause

Esistono numerosi studi sulle cause che portano allo sviluppo di questo disturbo psichiatrico. La ricerca in questo campo continua perché non è stato trovato un chiaro determinante per il suo sviluppo. Piuttosto sembra il risultato dell'influenza di diversi fattori.

Fattori genetici

Ci sono state numerose indagini con famiglie, con gemelli o bambini adottati. I risultati mostrano che i geni possono essere responsabili per alcuni individui che sono vulnerabili allo sviluppo di questo tipo di disturbo.

Ma nessun singolo gene è responsabile per il disturbo. Si tratta di più geni che si combinano per generare quella vulnerabilità. E d'altra parte, il rischio di soffrire del disturbo potrebbe variare a seconda del numero di geni che un individuo condivide con qualcuno che soffre della malattia.

Fattori biologici

Alcuni studi indicano che il danno cerebrale o la disfunzione possono essere influenti nello sviluppo del disturbo. D'altra parte, sembra esserci una mancanza di connessione tra l'amigdala (responsabile della regolazione delle emozioni) e la corteccia prefrontale in questi soggetti.

Sono state inoltre condotte ricerche sull'influenza dei neurotrasmettitori come la dopamina o la serotonina.

Fattori psicologici

La teoria predominante in questo campo è il cosiddetto modello di vulnerabilità-stress. Il presupposto di base è che, affinché il disordine si sviluppi, è necessaria l'esistenza di una vulnerabilità, che può essere attivata da vari fattori di stress che fanno precipitare l'aspetto del disturbo.

trattamento

Per quanto riguarda il trattamento di questo disturbo, non è stato ancora dimostrato che vi sia un tipo di intervento che ha successo con questi individui. Anche gli studi in questo contesto sono pessimisti e alcuni autori come Harris e Rice concludono addirittura che in alcuni casi il trattamento non è solo inefficace, ma può anche essere controproducente.

I principali problemi nello svolgimento di un intervento sono, da un lato, i limiti degli studi che sono stati effettuati e, dall'altro, le caratteristiche di questi individui che rendono il trattamento inefficace.

Queste caratteristiche includono l'impossibilità di creare un legame tra terapeuta e paziente; non sentono il bisogno di cambiare, non c'è una comunicazione sincera e rendono impossibile il lavoro emotivo.

Nel 2000 Lösel ha riassunto una serie di principi che dovrebbero guidare l'intervento con questi soggetti tenendo conto dello studio dei trattamenti applicati fino a quel momento che si rivelano i più efficaci. Secondo la conclusione, i programmi di trattamento dovrebbero avere queste basi:

  1. Dovrebbero essere basati su studi sulla causa della psicopatia a livello psicologico e biologico.
  2. Effettuare una valutazione approfondita dell'individuo in modo che conduca ad una diagnosi accurata e non confondere il comportamento abituale di un adolescente con caratteristiche patologiche.
  3. Seguire un trattamento intensivo e prolungato.
  4. Effettuare il trattamento in strutture e istituzioni specializzate in questi casi per evitare la possibile manipolazione dello psicopatico.
  5. Creare un'atmosfera positiva nell'istituzione e tenerla di fronte ai comportamenti ostili dei soggetti trattati.
  6. Parte diretta del trattamento nel far loro capire che i loro comportamenti antisociali sono dannosi principalmente per loro, poiché in linea di principio il danno per gli altri non ha alcun effetto negativo per loro.
  7. I programmi di trattamento con un orientamento multimodale e cognitivo-comportamentale si sono rivelati i più riusciti in questo campo.
  8. Assicurarsi che il programma di trattamento sia pienamente rispettato.
  9. Seleziona, forma e supervisiona in dettaglio i professionisti che interverranno nel trattamento.
  10. Rafforzare i fattori di protezione naturale, come i genitori fermi e coerenti che incoraggiano lo sviluppo di capacità prosociali.
  11. Esegui un controllo controllato una volta che il soggetto completa il trattamento e previene le ricadute.

Anche se oggi non esiste un programma che si è dimostrato efficace nel trattamento di bambini, adolescenti e adulti con questa patologia, studi e ricerche volti a trovare che continui a essere svolto.

Kochanska nel 1997 già sottolineava l'importanza di valutare il temperamento dei bambini perché quelli con caratteristiche di personalità poco spaventose avranno difficoltà a sviluppare emozioni come la colpa o l'empatia.

Esistono anche prove che gli interventi con bambini e adolescenti devono principalmente controllare gli impulsi antisociali con un trattamento rigoroso e ordinato per il rispetto delle norme e delle abitudini.

Ma in breve, ad oggi non è stato concluso quale tipo di intervento sia appropriato per una persona con queste caratteristiche. È necessario conoscere meglio le cause e i processi coinvolti nel suo sviluppo al fine di fornire un trattamento congiunto dalla farmacologia e dalla psicologia.

Consigli per i genitori di bambini con psicopatia

1- Sii consapevole del problema

Il primo passo che i genitori dovrebbero prendere se sospettano che il loro bambino possa avere questo disturbo è di esserne a conoscenza. Molte volte per paura o paura di quello che diranno sta cercando di nascondere il problema, ma questo non aiuterà a trovare una soluzione o il possibile miglioramento dei sintomi.

2- Consultare un professionista

Data la complessità del disturbo è essenziale rivolgersi a un professionista esperto in questo campo, che può guidare e consigliare il trattamento appropriato. È inoltre possibile fornire ai genitori linee guida comportamentali ed educative necessarie per trattare questi bambini e adolescenti.

3- Scopri la malattia

Conoscere le possibili cause del disturbo o come funziona può aiutare i genitori a capire meglio e ad accettare il processo che sta attraversando il loro bambino.

4- Non rispondere con aggressività

Sebbene in molti casi questa sia una risposta che sembra incontrollabile, in nessun caso è vantaggiosa per il trattamento di questi bambini.

5- Promuovere abitudini e comportamenti sociali adattivi

Si tratta di promuovere abitudini e comportamenti sociali adattivi, ottenendo il rispetto di alcune norme e ponendo un'enfasi speciale sulla spiegazione e la dimostrazione che questo comportamento adeguato ha ripercussioni positive principalmente su se stessi.

6- Ricerca di un sistema di supporto esterno

È molto importante che i genitori che devono affrontare questo disturbo possano avere una rete di supporto con cui condividere le loro preoccupazioni o in cui cercare supporto quando necessario.

Questa rete può essere formata da parenti, amici e persino gruppi di aiuto reciproco formati da più genitori nella stessa situazione in cui possono condividere le loro preoccupazioni.

7- Mostra tolleranza e pazienza

È importante tenere presente che il bambino o l'adolescente con questo disturbo si prenderanno cura solo dei propri interessi e bisogni. In questi casi è più consigliabile raggiungere accordi con lui piuttosto che affrontare e discutere le proprie convinzioni e / o comportamenti.

8- Solidità e sicurezza

È conveniente che i genitori siano fermi e sicuri di se stessi prima del bambino o dell'adolescente e mostrino il minimo punto debole possibile prima di lui per evitare la manipolazione.

9- Non perdere la speranza

In molti casi questa situazione può sopraffare i genitori e abbandonare ogni speranza di miglioramento. Può persino indurli a prendere decisioni o comportamenti che sono dannosi per se stessi, come abuso di sostanze o farmaci per far fronte alla situazione. Questo in nessun caso aiuta il miglioramento del bambino ma peggiora significativamente la situazione familiare.