9 Cura importante dopo un taglio cesareo

È importante seguire una serie di cure dopo il taglio cesareo ; di dieta, igiene e altre abitudini che aiuteranno a migliorare la salute ea recuperare energia.

Dopo il parto cesareo dobbiamo prendere in considerazione che la donna deve riprendersi dopo essere stata sottoposta ad un intervento chirurgico oltre ad aver dato alla luce tutto ciò che questo comporta.

Raccomandazioni dopo un taglio cesareo

1- Alzati dal letto

Si suggerisce che sia nelle prime 24 ore dopo l'intervento. L'obiettivo è evitare il rischio di trombi e l'accumulo di gas nel torace. È importante stare molto attenti con la cicatrice e seguire una serie di istruzioni per alzarsi dal letto.

Lo staff infermieristico aiuta spesso queste donne a dire loro quale posizione possono adottare e come possono alzarsi nel modo più comodo. È molto importante che mentre ti alzi, copri la tua cicatrice con la mano per evitare movimenti improvvisi e per aprire la ferita: Igiene.

2- Igiene

Normalmente, in primo luogo, il primo servizio igienico dopo l'intervento viene solitamente eseguito dallo staff, a letto.

Il giorno dopo, possono già fare una doccia con l'aiuto di qualcuno nel caso in cui sentano vertigini e prendere le precauzioni necessarie con la cicatrice. È molto importante che se la ferita si bagna, si asciuga molto bene prima di sostituirlo per evitare possibili infezioni e favorire il processo di guarigione.

3- Guarigione delle ferite

Durante i primi tre o quattro giorni, la cicatrice viene solitamente pulita con un antisettico non iodato e coperta con una medicazione per prevenire il rischio di infezione. Se dopo questi giorni la ferita è pulita e il processo di guarigione è normale, normalmente è consigliabile pulirlo con acqua e sapone ogni 24 ore e asciugarlo bene.

Quando è asciutto, dovrebbe essere coperto di nuovo con una medicazione. È normale che la ferita produca prurito, oppressione o dolore, ma non che supporti o sia infiammata. Prima di questi segnali, dobbiamo andare dallo specialista.

Inoltre, è importante ricordare che è molto importante non fare grandi sforzi ed evitare determinati movimenti e posture che non influenzano la cicatrice.

4- Riposo

Dopo l'intervento, è normale sentirsi stanchi. Questo è più complicato nel caso del taglio cesareo, poiché il bambino dipende in larga misura dal fatto che sua madre allatta al seno e si prenda cura di lui. È importante che la madre sia calma e cerca, per quanto possibile, di riposare.

Per questo, è importante avere l'aiuto di un coniuge o di qualcuno di cui ti fidi in modo che tu possa aiutare la madre a muoversi e ad occuparsi dei compiti relativi a lei e alle cure del bambino.

Dopo l'arrivo del neonato, le visite da amici e familiari sono comuni. Per riconciliarli con il riposo, è importante chiarire un programma di visite o che sono posticipati per dopo, quando la madre si è ripresa.

5- Nutrire il bambino

Se i genitori decidono che il bambino sta per essere allattato al seno, nel caso di taglio cesareo troviamo una doppia difficoltà. In primo luogo, è il fatto che il latte impieghi più tempo ad alzarsi rispetto a un parto vaginale e questo può ritardare l'inizio delle assunzioni.

Inoltre, di solito, dopo un taglio cesareo, il bambino non viene posto sul torace e questo rende difficile afferrare il capezzolo, il che rende difficile alimentare il neonato. Pertanto, si raccomanda che il personale sanitario venga informato della decisione di allattare il bambino in modo che possa facilitare questo compito dopo la consegna.

6- La dieta della madre

Accade spesso che molte donne diventino ossessionate dal riguadagnare peso dopo il parto. Si raccomanda, specialmente nel caso del taglio cesareo, di seguire una dieta ricca e varia. È importante assumere cibo da tutti i gruppi e non abusare di zuccheri e grassi. Inoltre, è scoraggiato mangiare cibi che causano gas come broccoli e legumi.

È molto importante che, durante la gravidanza, la dieta sia anche ricca e sana. Il motivo è duplice: evitare il sovrappeso della madre e favorire la crescita del bambino.

Dopo il taglio cesareo e fino a sei ore dopo l'intervento, la madre non riceverà alcun cibo. Dopo queste ore, in primo luogo, l'assunzione sarà costituita da liquidi. Nei giorni successivi, la dieta dovrebbe essere morbida e abbondante nelle fibre per favorire il transito intestinale.

Nelle settimane seguenti, si raccomanda di seguire queste indicazioni nella dieta:

-Proteins. Sono consigliati per il processo di recupero dei tessuti e di cicatrizzazione delle ferite. Le proteine ​​più adatte per questo possono essere trovate in pollame, pesce, carne rossa magra e maiale. Inoltre, sono presenti anche in noci, semi e legumi.

-Vitamina C. Serve, come le proteine, a promuovere la guarigione. Inoltre, è utile per prevenire le infezioni. Questa vitamina è presente negli agrumi, nel melone, nelle fragole, nelle patate, nei pomodori e nei broccoli.

-Ferro. La sua funzione è doppia. In primo luogo, serve a ripristinare il sangue perduto attraverso la produzione di emoglobina e, inoltre, a migliorare il sistema immunitario. Alimenti come carne rossa e pollame, uova, pesce e legumi sono fonti di ferro.

-Liquids. È importante rimanere idratati e, inoltre, dopo un taglio cesareo, la stitichezza è molto comune. In questo caso, i liquidi favoriscono il transito intestinale. Si consiglia di mangiare da otto a dieci bicchieri al giorno. Possono essere acqua, succo (preferibilmente naturale) o latte.

Nel caso di optare per l'allattamento al seno è importante che la dieta non sia ipocalorica. Una fonte molto salutare di grassi è l'olio d'oliva. Inoltre, si raccomanda il consumo di cibi grigliati e l'assunzione di frutta e verdura, che, come ho detto prima, preverrà la stitichezza.

Inoltre, è scoraggiato consumare noci. Le donne che scelgono di allattare i loro bambini, verificheranno come l'allattamento al seno aumenta il dispendio energetico e, quindi, può perdere il peso che hanno assunto durante la gravidanza.

Se la decisione non è quella di allattare e ricorrere all'alimentazione artificiale, la dieta può essere ipocalorica, ma è importante che sia supervisionata da uno specialista della nutrizione in modo che sia varia e possa coprire tutte le esigenze nutrizionali della madre.

7- Cura della pelle

Quando perdiamo o ingrassiamo bruscamente, l'aspetto delle smagliature è comune. Questo fatto di solito appare durante la gravidanza e dopo il parto.

Per evitare questo, l'uso di creme antismagliature è raccomandato durante la settimana dopo il parto, applicandolo sulla pancia e sul petto, evitando di imbrattare capezzolo e areola. Inoltre, possono essere utilizzati durante la gravidanza.

Successivamente, è possibile ricorrere a creme rassodanti e anticellulite, applicandole nelle stesse zone. Inoltre, l'assunzione di liquidi è molto importante, inoltre idratiamo la pelle.

8- Esercizio fisico

Per recuperare la figura e contribuire al benessere della madre, si raccomanda l'esercizio fisico. Questo dovrebbe essere fatto poche settimane dopo l'intervento e, nel caso del cesareo, dovrebbe essere ritardato più che nelle consegne vaginali.

Ci sono sempre più donne incinte che, durante la gravidanza, decidono di praticare uno sport di media o bassa intensità come yoga, nuoto, ciclismo, ecc. È una decisione importante perché oltre a contribuire a una buona condizione fisica, avranno ripercussioni positive durante il parto, essendo meglio preparati fisicamente e con muscoli più tonici.

C'è un falso mito e cioè credere che le donne che hanno appena partorito debbano rimanere in assoluto riposo. Se le circostanze non lo impediscono a causa di alcune complicazioni mediche o dello stato di salute, si raccomanda che le donne che hanno appena partorito e, dopo i primi giorni, rimangano fisicamente attive. Come in ogni altro momento del ciclo di vita, l'esercizio deve adattarsi alla capacità e alle circostanze personali.

In primo luogo e per evitare uno stile di vita sedentario, la routine può iniziare con piccole passeggiate per recuperare le condizioni fisiche. Se eseguita insieme al bambino, favorirà entrambi poiché, per la madre, il sole contribuisce alla fissazione del calcio nelle ossa e nel bambino, la bilirubina diminuirà.

Prima di recuperare qualsiasi attività fisica, si raccomanda di rafforzare il pavimento pelvico. Gli esercizi di Kegel sono quelli ideali per questo. Dopo il taglio cesareo, durante il primo mese, gli esercizi addominali non sono raccomandati e si fanno grandi sforzi, ad esempio: mettere la lavatrice, portare il peso, ecc.

A poco a poco, possono essere incorporati esercizi soft come yoga o pilates. Ogni donna dovrà adattare questi esercizi alle sue condizioni e alle sue condizioni fisiche. Inoltre, con il passare del tempo e il recupero, puoi incorporare esercizi più intensi nella tua routine.

9- Relazioni sessuali

In primo luogo, se si adottano misure contraccettive, è importante consultarle con lo specialista.

Ogni persona e ogni coppia sono totalmente diversi, ecco perché non viene menzionata una data in cui riprendono la loro vita sessuale. Nel caso del cesareo, quel momento può essere leggermente ritardato a causa della cicatrice e del disagio che possono causare. Pertanto, è importante che questi problemi vengano discussi in coppia e cerchino momenti tranquilli affinché la coppia si senta a proprio agio.

Cos'è un cesareo?

Il taglio cesareo è l'intervento attraverso il quale, attraverso un'incisione nella zona inferiore dell'utero materno, il bambino viene rimosso. Questo viene fatto quando la consegna non è possibile o perché non è sicuro attraverso la vagina. Viene anche chiamato parto cesareo o parto addominale.

Per eseguire un taglio cesareo, la madre è solitamente anestetizzata dal torace ai piedi. L'anestesia può essere epidurale o spinale. Questi tipi di anestesia differiscono per il fatto che l'epidurale viene iniettata nello spazio epidurale, cioè attorno al midollo allungato e ha effetto dopo dieci o venti minuti, di solito è usato per interventi più lunghi. Nel caso della colonna vertebrale, il farmaco viene iniettato direttamente nel midollo spinale e il suo effetto è istantaneo. È indicato per procedure brevi e che non comportano complicazioni.

Ci sono diversi motivi per cui il team medico decide di eseguire il taglio cesareo e per fare questa determinazione si baserà sulle condizioni del bambino, così come sulla storia clinica della madre e se ha avuto un parto precedente. Può succedere che la gravidanza sia multipla o che lo stato di salute del bambino sia a rischio.

Ad esempio, presenta la frequenza cardiaca anormale. Inoltre, sii molto grande o non hai preso una posizione corretta nell'utero. Inoltre, esistono cause direttamente correlate alla madre come affette da malattie cardiache o che soffrono di qualche tipo di infezione o malattia correlata al sistema riproduttivo.

Cosa può succedere dopo il taglio cesareo?

Tenendo presente che una donna che ha appena partorito porta una grande responsabilità in quanto è un nuovo membro della famiglia e che, in larga misura, dipende dalla sua cura. Dobbiamo tenere presente che, nel caso di un taglio cesareo, queste madri hanno subito un intervento chirurgico con il processo post-operatorio e tutti i rischi che ne potrebbero derivare.

Innanzitutto, la ripresa è più lenta. Normalmente, ricevono una dimissione medica tra due e quattro giorni dopo l'intervento, ma le donne che subiscono un cesareo possono richiedere fino a diverse settimane per tornare alla normalità ed essere in piena condizione fisica.

Il dolore al seno, gli sbalzi d'umore e le abbondanti perdite vaginali sono comuni. In caso di chirurgia, dopo taglio cesareo e anestesia, è frequente che queste donne si sentano intorpidite fino a 48 ore dopo. Inoltre, è probabile che sentano la nausea che di solito è causata dal farmaco.