L'inferno degli ospedali psichiatrici in Messico

Sebbene in Messico ci siano circa 10 milioni di persone con disabilità mentali, visive o uditive, il sistema di salute mentale è talmente disfunzionale che i pazienti sono conosciuti come "abbandonati".

Un documento di 93 pagine di "Disability Rights International" ha confermato le terribili condizioni dei centri di salute mentale in Messico, che sono un terreno fertile per violazioni dei diritti umani e per l'abuso di pazienti disabili.

Molti pazienti non ricevono mai una diagnosi delle loro condizioni mentali e non hanno famiglie che prestano loro assistenza privata; questi pazienti rimangono bloccati nei loro ospedali indefinitamente e diventano completamente anonimi nel mondo.

I pazienti camminano con indumenti imbevuti di urina o su un pavimento pieno di sgabelli senza scarpe. Le savane sono un lusso non comune; L'igiene è un concetto astratto in un ospedale in Messico, dove alcuni pazienti e i loro caregivers non potevano spiegare il motivo della loro ammissione (New York Times).

Senza un'adeguata supervisione e l'assenza di qualsiasi tipo di sistema di registrazione, non è raro che i bambini malati di mente non riportino il loro nome, la loro età o la loro famiglia.

In questa situazione di disperazione, le atrocità sono frequenti. Molti dei pazienti sono stati detenuti contro la loro volontà per anni e probabilmente rimarranno tra quelle mura fino alla loro morte.

Si affidano troppo ai farmaci psicotropi per curare i pazienti e quelli più aggressivi che non rispondono ai farmaci possono essere costretti in lobotomia, che richiede solo l'approvazione del direttore del centro.

Eric Rosenthal, direttore di Disability Rights International, ha rilevato che uno su quattro centri di salute mentale ha tenuto i pazienti in custodia per lunghi periodi di tempo, un atto che viola l'articolo 1 della convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura.

L'indagine condotta dal DRI ha rivelato la gravità e la frequenza delle violazioni dei diritti umani all'interno delle mura dei centri. In un'istituzione, un paziente cieco ha ammesso di essere stato stuprato da un membro dello staff, un ricorso che è stato rapidamente respinto dalle autorità messicane.

In un altro caso, i ricercatori hanno scoperto due giovani donne che erano state istituzionalizzate in tenera età, cresciute nell'ospedale e che lavoravano senza paga da anni.

Non vi è alcuna indicazione di come o quando queste donne sono state istituzionalizzate e la legge messicana non richiede una revisione legale per trattenerle indefinitamente come schiave.

Il direttore del Samuel Ramirex Hospital, uno dei 31 centri psichiatrici del Messico, chiama il suo ospedale "inferno" e ha affermato che la salute mentale di ogni paziente nel suo centro è peggiorata. Commenta che mancano finanziamenti e personale adeguato; ci sono solo due psicologi e un medico per curare 365 pazienti.

Il bilancio del Messico per la salute mentale è il 2, 5% del suo bilancio generale per la salute. Si tratta di un miglioramento rispetto all'1, 6% rispetto a un decennio fa, ma è ancora lontano da quanto raccomandato dall'Organizzazione mondiale della sanità; 10%.

Altri aspetti condannati dal DRI sono:

  • Mancanza di condizioni igieniche
  • Mancanza di abbigliamento adeguato
  • Mancanza di privacy e spazio adeguato
  • Mancanza di protezione contro la violenza e l'abuso sessuale
  • psicochirurgia

Fatti chiave

I bambini disabili sono vittime della tratta e scompaiono

I bambini di questi centri scompaiono letteralmente senza alcuna registrazione di nome, età o luogo di internamento e non hanno la forma che i genitori li trovano.

Le persone sono soggette a tortura o maltrattamenti

I commenti del DRI:

" Nel CAISAME EP Guadalajara, abbiamo trovato un uomo legato dalla testa ai piedi. Lo staff dice che è stato così per anni. Lo abbiamo visto legato a una sedia a rotelle quando abbiamo visitato il centro dieci anni prima nella stessa stanza nello stesso centro. In Sayago, abbiamo trovato una donna che abbiamo incontrato ad Ocaranza nel 1999. La sua fotografia è apparsa sul New York Times, mostrando il suo corpo legato. Più di dieci anni dopo, la trovammo legata a una sedia a rotelle. La pratica di lasciare le persone legate per anni causa dolore estremo ed è estremamente pericolosa. Lo staff di questi centri riferisce di essere legato come un modo per evitare comportamenti autoaggressivi o comportamenti aggressivi " .

Uso di lobotomie e psicochirurgia

Il direttore del centro "Fraternidad sin Fronteras" dice:

"Ci sono pazienti nei quali il farmaco non funziona. Per loro abbiamo la chirurgia cerebrale. Eliminano la parte del cervello che causa l'aggressione. Una donna, Pancha, era legata all'ospedale per mesi ma era ancora aggressiva. Pertanto, lo inviamo alla chirurgia. "

Gli "abbandonati" rimangono nei centri per tutta la vita

Il DRI ha visitato venti istituzioni con bambini e adulti a Città del Messico e negli Stati di Jalisco, Oaxaca, Puebla e Veracruz. Nella maggior parte dei centri gli abbandonati sono rimasti lì durante tutta la vita.

I bambini con disabilità sono soggetti a discriminazione nel trasferimento e nell'adozione

Secondo il direttore di Conecalli, un'istituzione per bambini a Veracruz:

"Non c'è adozione per i bambini con disabilità in Messico. Ho visto solo un caso in sette anni. Pertanto i bambini con disabilità rimangono qui durante la vita ".

Mancanza di trattamento e riabilitazione

I bambini e gli adulti sono trattenuti nei centri per mancanza di trattamenti e programmi di riabilitazione che potrebbero sviluppare le competenze di cui hanno bisogno per vivere nella comunità.

Secondo un ricercatore DRI:

"Abbiamo osservato una ragazza con le braccia legate. Il personale non aveva un programma per gestire il proprio comportamento autodistruttivo. Abbiamo guardato mentre sbatteva la testa contro il terreno. Il suono era così forte che potevamo sentirlo dal corridoio. "

Le condizioni di vita sono inumane e degradanti

Secondo un dipendente del centro Samuel Ramírez Moreno:

"Abbiamo acqua per un'ora ogni mattina. Accumuliamo il più possibile durante il giorno, ma alla fine del pomeriggio lo esauriamo per pulire e non abbiamo più vestiti puliti. Nel pomeriggio non abbiamo altra scelta che lasciare la gente seduta in abiti sporchi. L'odore peggiora e peggiora con il progredire del giorno. È molto complicato lavorare qui, specialmente nel turno di notte. "

Perdita di capacità giuridica

"Per gli abbandonati, lo stato prende tutte le decisioni. Corrisponde al direttore dell'ospedale. Sono responsabile. " - Direttore di El Batam.

"Qui siamo tutori legali di tutto ... Non dobbiamo passare attraverso un processo legale." - Direttore della Fraternidad sin Fronteras.

Secondo un membro del DRI:

"Ho trovato una donna incinta in una delle stanze di Nieto. Ho chiesto al regista cosa sarebbe successo al bambino. Mi ha informato che il bambino sarebbe stato separato dalla madre non appena lei fosse nata. Ho chiesto se la madre poteva essere dimessa o trovarsi in una situazione in cui poteva sostenere il bambino. Rispose categoricamente che, poiché era al centro, c'erano prove che non poteva prendersi cura del bambino e che non c'era altra opzione. "- Investigatore del DRI.